Posts contrassegnato dai tag ‘multinazionali’

Quando quest’ultima ondata di globalizzazione dell’economia ebbe inizio, con lo scoccare degli anni ’90, l’entusiasmo era il sentimento preponderante. Non tanto perché tutti fossero convinti che l’apertura dei mercati mondiali allo scambio di servizi e merci fosse cosa buona a prescindere, ma perché chi aveva dei dubbi rimase a guardare. Si diffondeva senza contrasti una narrazione epica della rivoluzione in corso, che si è poi avverata solo in parte: società più aperte, più ricche e meticce, vantaggi per tutti, nuovi mezzi di comunicazione che creavano l’illusione di vivere in un unico villaggio globale. Si dava il via alle delocalizzazioni produttive dai Paesi di vecchia industrializzazione a quelli emergenti. Masse di centinaia di milioni di contadini cominciavano a spostarsi verso le città della Cina, dell’Indonesia, dell’India, del Messico. Il reddito aumentava nei Paesi poveri e “teneva” in quelli ricchi. Nasceva il WTO, Organizzazione Mondiale del Commercio, per sancire la vittoria del libero mercato e regolare le controversie in campo commerciale.

La fede nella fine della Storia, come si diceva allora, portò addirittura a stabilire che il WTO dovesse trovare l’unanimità per decidere le regole mondiali. Andava così: chi poteva immaginare, allora, che qualcuno volesse opporsi alla narrazione della globalizzazione? Quell’onda di piena metteva alla pari democrazie e dittature, Paesi del primo e del terzo mondo, tutti insieme per costruire la mappa del futuro. Furono in pochi a segnalare per tempo i limiti di ciò che stava avvenendo, a dire che quel processo, in nome dell’apertura dei mercati, veniva condotto senza regole condivise, e anzi abbattendo regole preesistenti che tutelavano cittadini o Stati. Mancanza di regole sulla fiscalità globale, sui paradisi fiscali, sui temi ambientali, sulla mobilità delle persone, sul lavoro.

Pian piano molti nodi hanno cominciato a venire al pettine. Con la scoperta, ad esempio, che la delocalizzazione produttiva aveva sì creato molti posti di lavoro in Cina, ma stava desertificando intere aree in Europa o nel Nordamerica, dove non si riusciva più a garantire lavoro a intere comunità. I grandi soggetti multinazionali nati dalla rivoluzione tecnologica, quasi tutti statunitensi, erano diventati praticamente dei monopolisti, pagando percentualmente meno tasse del salumiere sotto casa e stroncando così qualsiasi ipotesi di concorrenza. Nei Paesi di vecchia industrializzazione, il passaggio dall’ottimismo alla preoccupazione è stato breve, e soprattutto foriero di cambiamenti nel rapporto con la politica, colpevole di aver ceduto sulla sovranità nazionale. La retorica “globalizzata” oggi è praticamente scomparsa: si è rivalutato il “territorio”, è tornata di moda la nazione, si stanno ipotizzando diverse modalità di autarchia. Si rifiuta la società meticcia e si demolisce a picconate il sistema multilaterale di relazioni.

Siamo quindi all’alba di una nuova era? È probabile, ma la globalizzazione è un dato irreversibile. Passata la sbornia attuale si lavorerà sulle riforme necessarie per adeguare il diritto internazionale e quello nazionale al nostro tempo, in un contesto multilaterale. Non esiste altra possibilità. Anche i fautori dell’approccio da “padroni a casa nostra” capiranno che, nel mondo attuale, è impossibile andare avanti senza cedere una parte della propria sovranità. Il punto è a quali condizioni, per quali obiettivi. Ma su temi come l’ambiente, la finanza, la mobilità delle persone le soluzioni o sono condivise o non sono vere soluzioni. Gli automatismi ideologici, che sono sopravvissuti alla morte ufficiale delle ideologie, non hanno portato nulla di buono.

 

 

 

Annunci

Ogni primavera alle latitudini settentrionali si ripete la risalita dei fiumi da parte dei salmoni che sono cresciuti a valle. Un percorso guidato dalla natura, perché in quello specifico momento le condizioni migliori per la riproduzione si trovano proprio laddove i pesci sono nati.

Anche in economia esistono flussi periodici simili, determinati dal mercato. Il cosiddetto reshoring, cioè la rilocalizzazione produttiva negli Stati d’origine, è infatti una tendenza ormai visibile in quasi tutti i Paesi di vecchia industrializzazione. Le prime imprese a risalire virtualmente il fiume sono state quelle statunitensi, richiamate in patria dal basso costo dell’energia e dal pacchetto di incentivi fiscali e di servizi all’impresa varato dall’amministrazione Obama. Molte altre aziende non sono tornate esattamente a casa ma si sono stabilite “nei dintorni”, trasferendo in Messico gli impianti produttivi fino a ieri localizzati in Cina: nel Paese asiatico, infatti, il costo del lavoro è triplicato rispetto a 10 anni fa.

Anche in Germania e in Italia si verificano casi di ritorno di imprese che avevano delocalizzato nell’Europa orientale. In Italia oltre un centinaio di imprenditori sono tornati soprattutto dalla Romania, dove oggi i costi sono aumentati ed è difficile reperire manodopera qualificata, perché l’emigrazione l’ha portata altrove. L’ultimo Paese che registra ritorni di imprese è il Giappone: qui colossi come Panasonic e Honda stanno riportando a casa intere linee produttive dalla Corea del Sud e dal Vietnam. Parallelamente, l’industria cinese sta cominciando a delocalizzare in Cambogia o Vietnam inseguendo il costo della manodopera inferiore. Una parabola fulminea, quella della Cina: da Paese meta della delocalizzazione degli anni ’90, quando ospitava le imprese in fuga dall’Occidente, a Paese che delocalizza anch’esso per motivi di costo del lavoro. Lo stesso vale per l’India, che ha delocalizzato una parte della sua industria tessile in Bangladesh.

Questo capitolo della globalizzazione segna un cambiamento notevole rispetto a quello precedente. Se, fino a 10 anni fa, i Paesi “centrali” producevano in quelli emergenti per poi vendere i prodotti sui propri mercati, ora chi investe in Cina o in Indonesia lo fa per vendere proprio in questi Stati. Diventa cioè “produttore locale”, anche se con una un’identità e una presenza globale. Nel frattempo, infatti, il mercato mondiale è diventato più vasto, perché gli operai dei Paesi emergenti sono diventati anche consumatori. Cina, India, Corea o Brasile investono (e a volte producono) negli Stati dai quali, fino a poco tempo fa, partivano i capitali per industrializzarli.

In questo scenario radicalmente mutato, l’unico soggetto economico che non registra scossoni sono le multinazionali: imprese che erano globali ancor prima che ci fossero le condizioni per operare a pieno regime sull’intero pianeta. Le aziende che impongono brand mondiali, gusti e modalità di consumi, producono ovunque ci sia un mercato consumatore promettente.

Le nostre imprese salmone, che tornano a casa dopo l’ubriacatura della manodopera a costo quasi zero, non sono però al sicuro: come lungo i torrenti del Canada o dell’Alaska, sono in agguato gli orsi, pronti a catturare i pesci mentre risalgono il fiume. Il mercato che le aziende avevano abbandonato è stato nel frattempo colonizzato dai grandi gruppi multinazionali, e addirittura a fare concorrenza compaiono operatori provenienti dai Paesi nei quali avevamo delocalizzato. Insomma, il ritorno in uno scenario radicalmente cambiato non garantisce il futuro: la vacanza all’estero, costata agli Stati milioni di posti di lavoro e miliardi di euro in welfare, ha lasciato tracce profondissime, che soltanto il tempo potrà cancellare.

 

Alfredo Somoza per Esteri (Popolare Network)

 

orso-grizzly-bear-killer-09

Nel folklore brasiliano, dal Nord al Sud del Paese, la figura del toro ha un ruolo centrale. Era un simbolo carico di significati sia per gli schiavi africani sia per i portoghesi: nelle storie e nei rituali che hanno come oggetto i tori o i buoi, si racconta il ciclo dell’agricoltura attraverso la morte e la resurrezione di questi animali. Una tradizione che, per quanto sia originaria del Nordest del Paese, getta le sue radici anche nelle profondità dell’Amazzonia.

È proprio nella piccola città di Parintins, nel cuore della foresta, che si celebra ogni anno la sfida, a suon di danze, canzoni e sfilate carnevalesche, tra il bue Garantido e quello Caprichoso. Il tifo divide in due la città, come e più del calcio. La storia che si racconta ogni anno è molto semplice: la schiava Catirina ha una “voglia” e chiede a suo marito Francisco di procurarle da mangiare la lingua del migliore tra i buoi del padrone. Lo schiavo ammazza un bue e procura la lingua alla sua amata, ma viene scoperto e imprigionato. Con l’aiuto di un pajè, cioè di uno sciamano indio, la figlia del padrone riesce a fare resuscitare il bue e il tutto si ricompone: alla fine si festeggia ballando e cantando. Questa storia viene rivisitata ogni anno e i seguaci di ciascuno dei due buoi di Parintins competono per dimostrare che il loro è l’animale migliore, quello degno di resuscitare. Ad assegnare il titolo e il relativo premio è una giuria.

È il Carnevale amazzonico che, a differenza di quello di Rio de Janeiro, include moltissimi elementi culturali indigeni e non solo africani. Il bue Garantido viene rappresentato con un cuore tra le corna e il colore rosso. La sua forza viene dal coraggio e dalla integrità morale. Il bue Caprichoso, invece, ha come simbolo una stella azzurra e i suoi colori sono l’azzurro e il bianco. La sua forza deriva dalla saggezza, e cioè dalla conoscenza della foresta e dei suoi segreti.

La festa che ogni anno si celebra nel bumbodromo, uno stadio costruito appositamente per questo evento, a forma di testa di bue, attira pubblico e personalità da molto lontano ed è una manifestazione culturale tra le più autentiche del Brasile. Così autentica e radicata che anche le multinazionali hanno dovuto fare i conti con la sensibilità di chi vi prende parte. La Coca Cola, massimo sponsor della manifestazione, per poter partecipare ha fatto un’eccezione, caso unico al mondo, rispetto al suo rigido codice commerciale. Il problema che si presentava al colosso di Atlanta è che, come tutti sanno, il rosso è l’unico colore della sua bibita di punta. Ma in Amazzonia il rosso è il simbolo del toro Garantido, e la Coca Cola non poteva offendere i tifosi del toro Caprichoso. Per quanto assetati, questi ultimi non avrebbero mai comprato una bibita con i colori dei loro storici rivali.

Per questo motivo, se passate da Parintins, potrete vedere le uniche lattine di Coca Cola al mondo non di colore rosso ma azzurro. Un omaggio al toro Caprichoso e una dimostrazione di come la cultura popolare, quando è fortemente radicata, possa arginare anche l’omologazione consumistica. Finora però, a quanto ci risulta, l’unico essere vivente che sia riuscito a piegare la Coca Cola è il toro amazzonico. Quello saggio perché conosce i segreti della foresta.

Alfredo Somoza per Esteri (Popolare Network)

cocacola_parintins_embalagens_lata