A livello internazionale si sta ormai consolidando una prassi: tassare ciò che non può essere corretto. In pratica si utilizza la leva fiscale per “compensare” l’assenza della volontà politica di incidere sui cambiamenti climatici, sulla finanza senza scrupoli etici, sulla distruzione ambientale o sullo sfruttamento selvaggio del lavoro. Nelle intenzioni dei promotori, una maggiore tassazione nei confronti di operazioni e pratiche discutibili renderebbe queste ultime meno profittevoli e quindi sconsigliabili. Tutto da dimostrarsi, ovviamente.

L’ultima puntata di questa saga fiscale è la tassa “anti-Nutella” applicata dalla Francia alla specialità di punta della Ferrero. Una tassa dovuta al fatto che il colosso dolciario utilizza olio di palma proveniente dall’Estremo Oriente, prodotto deforestando gli ultimi polmoni verdi di quelle latitudini.

Sul lato finanziario questo approccio ai problemi prende la forma della Tobin Tax, misura che, dopo anni di lotte, sta per entrare in vigore in diversi Paesi europei. Si tratta di un piccolo prelievo che tocca ogni operazione di tipo speculativo, e che dovrebbe quindi far calare l’uso di strumenti finanziari a brevissimo termine. In Italia, apripista di questi meccanismi era stata la tassa sui sacchetti di plastica introdotta dal ministro dell’ambiente Giorgio Ruffolo nel lontano 1988. La grande contraddizione di queste operazioni è che non funzionano: nel migliore dei casi, si chiede che i proventi della tassazione vengano investiti per sostenere politiche di welfare o ambientali.

Anche se dalla Tobin Tax dovesse arrivare il flusso di miliardi che molti si attendono, questi fondi non andrebbero a compensare il danno provocato dalla speculazione borsistica, bensì a calmierarne le conseguenze attraverso il welfare o il sostegno alle banche.

In fondo è la vecchia polemica tra “utopisti” e “concreti”. I primi, quando si parla di diritti dell’ambiente o delle persone, respingono qualsiasi sistema che riduca il danno, in attesa di una rivoluzione globale; i secondi finiscono per accettare le toppe che man mano vengono cucite sul logoro vestito della globalizzazione. Dalla denuncia si passa all’accettazione  Il passo successivo è breve: per paradosso, una volta a regime questi flussi fiscali porterebbero alla difesa del meccanismo che li genera, e cioè dello sfruttamento “discutibile” dell’ambiente o del dumping sul costo del lavoro. Uno spiraglio fiscale che allunga soltanto i tempi di una deriva priva di un punto finale.

Se la politica continua a fare melina e a rimandare le soluzioni, non c’è tassa che possa fermare questi processi. La leva fiscale può essere efficace solo in una fase transitoria, mentre si procede politicamente verso un regime più stringente sulle modalità del lavoro e della finanza. Da sola, serve a creare illusioni e falsi miti, foraggiando contemporaneamente gli apparati di Stati incapaci di tutelare correttamente i loro cittadini. La protesta scombussolata che in diversi Paesi sta prendendo piede anche a livello elettorale fa spesso il gioco di chi non vuole cambiare nulla. Delegittimando la politica in quanto tale, si delegittima l’ambito nel quale dovrebbero maturare quelle riforme necessarie per cambiare rotta, a livello locale e internazionale.

Ecco perché, finché il filo spinato continuerà a separare le piazze dai palazzi, sulle immense praterie della globalizzazione continueranno a scorrazzare i veri poteri forti, la vera casta: quella che determina cosa mangeremo, come ci vestiremo, quale gadget elettronico dovremo comprare.

Alfredo Somoza per Esteri (Popolare Network)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...