Non più Atlantico, ma Pacifico

Pubblicato: 26 novembre 2011 in Mondo
Tag:, ,

L’annuncio dell’arrivo in Australia di 2500 marines statunitensi entro il 2017, e quindi del crescente interesse strategico americano per l’Asia, è il segnale di un’altra pagina di geopolitica che si sta definitivamente voltando.

Dal 7 al 13 novembre si è tenuta alle Hawaii la riunione dell’APEC, l’associazione dei Paesi del Pacifico, un grande evento oscurato dalla crisi del debito sovrano degli Stati europei. Il padrone di casa Barack Obama ha dichiarato che quest’area, che diventerà a breve di libero scambio, è cruciale per la crescita degli Stati Uniti; Hillary Clinton ha rincarato la dose affermando che nei prossimi 10 anni lo scenario del Pacifico sarà prioritario per la politica estera di Washington.

I numeri confermano l’importanza di questo nuovo blocco: 21 Paesi che producono il 60% del PIL globale e sono abitati dal 40% della popolazione mondiale. Circa 3 miliardi di persone che conoscono soltanto marginalmente la disoccupazione e che stanno diventando velocemente consumatori, grazie agli altissimi tassi di crescita economica.

Per gli USA, ormai da tre anni gli scambi di beni e servizi con i Paesi APEC hanno superato i flussi con l’Europa. In questo raggruppamento la potenza finanziaria e produttiva di Stati Uniti, Cina e Russia convive con la vitalità di alcuni Paesi emergenti dell’America Latina (Cile, Perù e Messico), senza trascurare le potenze agricole come Australia e Nuova Zelanda. Nelle intenzioni c’è l’allargamento dell’organismo a tutti i Paesi latinoamericani e all’India: un’evoluzione che conferma come l’Oceano Pacifico sia un alibi per gli Stati Uniti, che hanno fortemente caldeggiato la nascita dell’APEC per sancire una loro leadership tra i Paesi emergenti.

Questo significa che lo storico legame atlantico tra l’America Settentrionale e il Vecchio Continente sarà molto ridimensionato, e che per l’Europa, incapace di firmare accordi commerciali internazionali perché paralizzata dai veti incrociati, sarà sempre più difficile relazionarsi con il resto del mondo.

L’operazione “APEC allargata” rilancia gli Stati Uniti come potenza globale dinamica ed è un grande punto a favore della politica estera dell’amministrazione Obama. La stessa amministrazione che, per essere rieletta, ha un disperato bisogno di far uscire il Paese dalla crisi rilanciando la crescita. Obama ha dunque capito che la crescita può essere trainata soltanto dal polo asiatico, lo stesso che ha impedito che la crisi colpisse Africa e America Latina; nel frattempo, per la prima volta dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’Europa è diventata un problema.

Paradossalmente, proprio il problema-Europa sta diventando un ulteriore elemento di rilancio per Washington: poiché la crisi potrebbe addirittura mettere in discussione l’euro, il dollaro rimane (per ora) la moneta di riferimento internazionale. Gli Stati Uniti hanno quindi trovato una nuova chance per rimanere a galla in questo nuovo mondo dai tanti protagonismi, una possibilità che per il nostro continente in affanno al momento non si intravede.

Nel secolo scorso eravamo abituati a individuare i momenti risolutivi dei grandi cambiamenti nei conflitti bellici e nelle rivoluzioni. Il XXI secolo ci offre invece la novità di una geopolitica che non si muove se non marginalmente grazie agli eserciti, ma si costruisce attraverso geometrie commerciali, associazioni tra Stati, guerre tra monete, policentrismi, multipolarismi.

Un mondo nel quale il Ministero degli Esteri non è più “l’ufficio di rappresentanza” di un Paese all’estero, ma una competenza uguale o più importante di quella economica. Gli Stati che continuano a ignorare questa realtà, e che invocano ancora il protezionismo a prescindere, pagano e pagheranno un caro prezzo.

Alfredo Somoza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...